Ti aspetto qui!

Abbiamo scelto di essere educatori, di condividere con i ragazzi il significato delle esperienze della vita, di tutto ciò che accade, anche la straordinarietà di questi giorni.

Pensiamo sia importante offrire anche in questi giorni, anche ai ragazzi, pur se a distanza, una cornice simbolica che consenta loro di riconoscersi nello spirito della Promessa.

In questo tempo sospeso e dilatato ci viene chiesto di usare la fantasia, creatività e cura per superare gli schemi a cui siamo abituati, valorizzando anche il “nuovo quotidiano”, mantenendo al centro la relazione con i ragazzi e il bisogno di riconoscersi ancora comunità.
Come possiamo continuare a condividere spazi di educazione e relazione, per proseguire la nostra “vita di Branca”?

Vi offriamo un tentativo di risposta a questa domanda.

leggi tutto

Naviga attraverso le immagini

Come ci appare e cosa racconta la realtà intorno a noi

Io e il mio faro… io e l’ambiente intorno a me

Ricevo doni dal mare

Chi c’è al di là del mare?

Al di là del mare c’è qualcuno (arriva un segnale)

Di là dal mare ci sono io, Paloma!

Partenza per arrivare al di là del mare

Ti aspetto qui

SPAZI DI BRANCA

Naviga attraverso le immagini
lc
eg
rs

Il saluto dell’autrice del libro “Giordano del faro”

(Janna Carioli)

Cari ragazzi,

Sapete che Giordano esiste davvero?

Adesso è un uomo, ma sono stati i racconti che  ho ascoltato della sua infanzia, trascorsa abitando dentro un faro dell’Isola d’Elba, che mi hanno suggerito l’idea di scrivere questa storia. E Marina Marcolin ha saputo tradurre nelle immagini la dolcezza  e la speranza.

Ho cercato di raccontare la  vita di Giordano, che, in un contatto stretto con la natura, non ha mai rinunciato alla voglia di conoscere gli altri, di sapere “chi c’era al di là del mare”, a stringere rapporti significativi.

Ci sono davvero tante similitudini con quello che stiamo vivendo in questi giorni.

Un faro è un simbolo di solitudine. Chi vive lì è isolato, come lo siamo noi in questo periodo. Ma se ci pensate, il faro è qualcosa che manda luce, per aiutare gli altri ad arrivare sani e salvi nel porto.

La luce che ognuno di noi, “piccolo faro di città” può mandare in questo periodo, sono le parole, i messaggi, i video, le lettere, i segnali di presenza, che aiutano gli altri a sentirsi meno soli e a tracciare rotte che, una volta finita la tempesta, ci permetteranno di incontrarci di persona.

E il mare attorno, cos’è se non la rete informatica che, per fortuna ci unisce attraverso lo spazio e che porta a destinazione i nostri messaggi in bottiglia?

Guardiamo lontano, ragazzi. Per fortuna esiste l’orizzonte.

Vi abbraccio… per ora a un metro e mezzo di distanza, ma un domani, (speriamo presto), di persona.  Sarà quello il nostro porto di approdo.

Janna Carioli

I testi e le immagini riprodotte in questo sito sono tratte dall’opera “Giordano del Faro” di Janna Carioli, illustrata da Marina Marcolin, Edizioni Lapis (C.F. 05073091000), Lapis snc di Rosaria Punzi e C., via Francesco Ferrara, 00191 Roma.
Testi e immagini sono utilizzati, ex art. 70 L. 633/41, ad esclusivi fini di insegnamento ed educativi, con finalità illustrative e non commerciali.
È in ogni caso proibita la riproduzione, anche parziale, in ogni forma o mezzo, senza espresso permesso scritto delle autrici e dell’editore.
 Tutti i contenuti (testi, immagini, grafica, layout ecc.) presenti in questo sito Internet appartengono ai rispettivi proprietari.

Io ti “chiamo” – tu mi rispondi ed io accolgo – insieme facciamo risuonare. 

Narrazione di sé – accoglienza – scouting (osservare attraverso i sensi e con il cuore).  

PER I RAGAZZI

Aiutare i ragazzi a rileggere la realtà che stanno vivendo: la mia casa e il suo aspetto… i suoi “segreti”, le persone intorno a me, le mie e le loro emozioni e “stati d’animo“.  

Chi e cosa mi manca?  

Che cosa sento? 

L’ATTENZIONE DEI CAPI

Saper leggere il tempo e la realtà che stiamo vivendo. 

Vivere la dimensione dell’accoglienza e dell’ascolto di quello che il ragazzo vive e “farla risuonare”. 

Ricevo qualcosa da fuori e ciò che mi sta intorno può trasformarsi in qualcosa di nuovo. 

Creatività – gratuità. 

PER I RAGAZZI  

Provare a raccontare cosa la realtà mi regala. Questo che vivo è un tempo nuovo, diverso. A volte divertente, a volte noioso, a volte mi fa paura. 

Come vivo, come l’affronto, come lo gioco?  

Quali occasioni mi offre? 

(scoperta di un tempo e di uno spazio diverso e nuovo – casa è quella di tutti i giorni, ma oggi è diversa perché io “provo a capire cosa il mare mi regala”). 

In che modo posso vivere il servizio e la buona azione?

L’ATTENZIONE DEI CAPI 

Riflettere su una modalità per riscoprire la ritualità e i simboli della comunità “a distanza”. 

Rimettere in gioco strumenti il quaderno di caccia/volo dove poter “appuntare” pensieri, storie… raccogliere anche qualunque tipo di oggetto che rimandi ad un’esperienza vissuta che è importante ricordare. 

Aiutare i ragazzi a riconoscere le opportunità da cogliere nel contesto attuale. Identificare occasioni per condividere gli elementi che ci fanno rimanere comunità, anche lontani.

Stimolare la creatività e la manualità “fatta in casa” (non solo scoutismo “on line”).

Uscire dagli schemi e prepararsi per il dopo.

Attenzioni: gesti, ritualità, legami tra i ragazzi…

PER I RAGAZZI

Aspettative, domande, curiosità verso quello che mi aspetta.  

Allo stesso tempo può essere utile riflettere su chi sono adesso. 

Scrivere una cartolina a me stesso: ricordare quello che ho vissuto, chi sono diventato, le mie abitudini, le mie idee nuove, come sono cambiato, se sto cambiando. Mi rileggo e mi proietto verso un tempo nuovo per tutti. 

Es: in questi giorni cosa faccio? Indosso sempre il pigiama, non metto mai le scarpe, ho messo il fazzolettone e il cappellino ed “ho giocato alla riunione di B/C”, oppure ho partecipato alla riunione di reparto, di Squadriglia o di noviziato/clan? Sono più alto, ho i capelli più lunghi…? 

Come mi preparo ad accogliere e trovare chi mi aspetta fuori – io come reagisco a questi input? 

Cosa ho riconosciuto essere essenziale per il mio vivere ? 

L’ATTENZIONE DEI CAPI

Anche l’adulto è chiamato a rileggersi in questa nuova realtà e a trovare uno sguardo ed un orizzonte educativo diverso da quello pensato “prima”: come mi preparo e come mi vedo in questo orizzonte di “ritorno”.  

Mi preparo a rileggere i nuovi bisogni educativi dei ragazzi che accompagno.

 

PER I RAGAZZI

Ognuno raccoglie quello che siamo stati e lo porta “qui”, ci raccontiamo e ricostruiamo la nostra nuova comunità “rinnovata” – cosa voglio portare di importante e bello nella nuova comunità. (scrittura collettiva).

Esplorare il nuovo mondo: individuiamo insieme le prime occasioni di avventura e vita all’aria aperta che potremmo vivere. 

Ci rimettiamo per strada, chi vogliamo incontrare? Cosa vogliamo vedere? 

L’ATTENZIONE DEI CAPI

Condivisione dello spazio di potere: lasciare spazio ai ragazzi di raccontare e raccontarsi. Non è tempo di riprendere quello che avevamo programmato e non sommergere di attività i ragazzi. Piuttosto è tempo di preparare questo spazio da condividere, donare tempi e luoghi per ricostruire la comunità e accogliere il ragazzo e l’adulto che siamo “ora” nel “dopo”. 

Occasione per rileggere, rivalutare e rinnovare lo stile di stare insieme. 

Favorire le occasioni di avventura e vita all’aria aperta: la natura da cui ci siamo dovuti “difendere” torna ad essere luogo privilegiato anche per l’incontro con Dio. 

 

PER I RAGAZZI

Ognuno raccoglie quello che siamo stati e lo porta “qui”, ci raccontiamo e ricostruiamo la nostra nuova comunità “rinnovata” – cosa voglio portare di importante e bello nella nuova comunità. (scrittura collettiva).

Esplorare il nuovo mondo: individuiamo insieme le prime occasioni di avventura e vita all’aria aperta che potremmo vivere. 

Ci rimettiamo per strada, chi vogliamo incontrare? Cosa vogliamo vedere? 

L’ATTENZIONE DEI CAPI

Condivisione dello spazio di potere: lasciare spazio ai ragazzi di raccontare e raccontarsi. Non è tempo di riprendere quello che avevamo programmato e non sommergere di attività i ragazzi. Piuttosto è tempo di preparare questo spazio da condividere, donare tempi e luoghi per ricostruire la comunità e accogliere il ragazzo e l’adulto che siamo “ora” nel “dopo”. 

Occasione per rileggere, rivalutare e rinnovare lo stile di stare insieme. 

Favorire le occasioni di avventura e vita all’aria aperta: la natura da cui ci siamo dovuti “difendere” torna ad essere luogo privilegiato anche per l’incontro con Dio. 

 

Uscire dagli schemi e prepararsi per il dopo.

Attenzioni: gesti, ritualità, legami tra i ragazzi…

PER I RAGAZZI

Aspettative, domande, curiosità verso quello che mi aspetta.  

Allo stesso tempo può essere utile riflettere su chi sono adesso. 

Scrivere una cartolina a me stesso: ricordare quello che ho vissuto, chi sono diventato, le mie abitudini, le mie idee nuove, come sono cambiato, se sto cambiando. Mi rileggo e mi proietto verso un tempo nuovo per tutti. 

Es: in questi giorni cosa faccio? Indosso sempre il pigiama, non metto mai le scarpe, ho messo il fazzolettone e il cappellino ed “ho giocato alla riunione di B/C”, oppure ho partecipato alla riunione di reparto, di Squadriglia o di noviziato/clan? Sono più alto, ho i capelli più lunghi…? 

Come mi preparo ad accogliere e trovare chi mi aspetta fuori – io come reagisco a questi input? 

Cosa ho riconosciuto essere essenziale per il mio vivere ? 

L’ATTENZIONE DEI CAPI

Anche l’adulto è chiamato a rileggersi in questa nuova realtà e a trovare uno sguardo ed un orizzonte educativo diverso da quello pensato “prima”: come mi preparo e come mi vedo in questo orizzonte di “ritorno”.  

Mi preparo a rileggere i nuovi bisogni educativi dei ragazzi che accompagno.

 

PER I RAGAZZI

Ognuno raccoglie quello che siamo stati e lo porta “qui”, ci raccontiamo e ricostruiamo la nostra nuova comunità “rinnovata” – cosa voglio portare di importante e bello nella nuova comunità. (scrittura collettiva).

Esplorare il nuovo mondo: individuiamo insieme le prime occasioni di avventura e vita all’aria aperta che potremmo vivere. 

Ci rimettiamo per strada, chi vogliamo incontrare? Cosa vogliamo vedere? 

L’ATTENZIONE DEI CAPI

Condivisione dello spazio di potere: lasciare spazio ai ragazzi di raccontare e raccontarsi. Non è tempo di riprendere quello che avevamo programmato e non sommergere di attività i ragazzi. Piuttosto è tempo di preparare questo spazio da condividere, donare tempi e luoghi per ricostruire la comunità e accogliere il ragazzo e l’adulto che siamo “ora” nel “dopo”. 

Occasione per rileggere, rivalutare e rinnovare lo stile di stare insieme. 

Favorire le occasioni di avventura e vita all’aria aperta: la natura da cui ci siamo dovuti “difendere” torna ad essere luogo privilegiato anche per l’incontro con Dio. 

 

Ricevo qualcosa da fuori e ciò che mi sta intorno può trasformarsi in qualcosa di nuovo. 

Creatività – gratuità. 

PER I RAGAZZI  

Provare a raccontare cosa la realtà mi regala. Questo che vivo è un tempo nuovo, diverso. A volte divertente, a volte noioso, a volte mi fa paura. 

Come vivo, come l’affronto, come lo gioco?  

Quali occasioni mi offre? 

(scoperta di un tempo e di uno spazio diverso e nuovo – casa è quella di tutti i giorni, ma oggi è diversa perché io “provo a capire cosa il mare mi regala”). 

In che modo posso vivere il servizio e la buona azione?

L’ATTENZIONE DEI CAPI 

Riflettere su una modalità per riscoprire la ritualità e i simboli della comunità “a distanza”. 

Rimettere in gioco strumenti il quaderno di caccia/volo dove poter “appuntare” pensieri, storie… raccogliere anche qualunque tipo di oggetto che rimandi ad un’esperienza vissuta che è importante ricordare. 

Aiutare i ragazzi a riconoscere le opportunità da cogliere nel contesto attuale. Identificare occasioni per condividere gli elementi che ci fanno rimanere comunità, anche lontani.

Stimolare la creatività e la manualità “fatta in casa” (non solo scoutismo “on line”).

Uscire dagli schemi e prepararsi per il dopo.

Attenzioni: gesti, ritualità, legami tra i ragazzi…

PER I RAGAZZI

Aspettative, domande, curiosità verso quello che mi aspetta.  

Allo stesso tempo può essere utile riflettere su chi sono adesso. 

Scrivere una cartolina a me stesso: ricordare quello che ho vissuto, chi sono diventato, le mie abitudini, le mie idee nuove, come sono cambiato, se sto cambiando. Mi rileggo e mi proietto verso un tempo nuovo per tutti. 

Es: in questi giorni cosa faccio? Indosso sempre il pigiama, non metto mai le scarpe, ho messo il fazzolettone e il cappellino ed “ho giocato alla riunione di B/C”, oppure ho partecipato alla riunione di reparto, di Squadriglia o di noviziato/clan? Sono più alto, ho i capelli più lunghi…? 

Come mi preparo ad accogliere e trovare chi mi aspetta fuori – io come reagisco a questi input? 

Cosa ho riconosciuto essere essenziale per il mio vivere ? 

L’ATTENZIONE DEI CAPI

Anche l’adulto è chiamato a rileggersi in questa nuova realtà e a trovare uno sguardo ed un orizzonte educativo diverso da quello pensato “prima”: come mi preparo e come mi vedo in questo orizzonte di “ritorno”.  

Mi preparo a rileggere i nuovi bisogni educativi dei ragazzi che accompagno.

 

PER I RAGAZZI

Ognuno raccoglie quello che siamo stati e lo porta “qui”, ci raccontiamo e ricostruiamo la nostra nuova comunità “rinnovata” – cosa voglio portare di importante e bello nella nuova comunità. (scrittura collettiva).

Esplorare il nuovo mondo: individuiamo insieme le prime occasioni di avventura e vita all’aria aperta che potremmo vivere. 

Ci rimettiamo per strada, chi vogliamo incontrare? Cosa vogliamo vedere? 

L’ATTENZIONE DEI CAPI

Condivisione dello spazio di potere: lasciare spazio ai ragazzi di raccontare e raccontarsi. Non è tempo di riprendere quello che avevamo programmato e non sommergere di attività i ragazzi. Piuttosto è tempo di preparare questo spazio da condividere, donare tempi e luoghi per ricostruire la comunità e accogliere il ragazzo e l’adulto che siamo “ora” nel “dopo”. 

Occasione per rileggere, rivalutare e rinnovare lo stile di stare insieme. 

Favorire le occasioni di avventura e vita all’aria aperta: la natura da cui ci siamo dovuti “difendere” torna ad essere luogo privilegiato anche per l’incontro con Dio. 

 

Io ti “chiamo” – tu mi rispondi ed io accolgo – insieme facciamo risuonare. 

Narrazione di sé – accoglienza – scouting (osservare attraverso i sensi e con il cuore).  

PER I RAGAZZI

Aiutare i ragazzi a rileggere la realtà che stanno vivendo: la mia casa e il suo aspetto… i suoi “segreti”, le persone intorno a me, le mie e le loro emozioni e “stati d’animo“.  

Chi e cosa mi manca?  

Che cosa sento? 

L’ATTENZIONE DEI CAPI

Saper leggere il tempo e la realtà che stiamo vivendo. 

Vivere la dimensione dell’accoglienza e dell’ascolto di quello che il ragazzo vive e “farla risuonare”. 

Ricevo qualcosa da fuori e ciò che mi sta intorno può trasformarsi in qualcosa di nuovo. 

Creatività – gratuità. 

PER I RAGAZZI  

Provare a raccontare cosa la realtà mi regala. Questo che vivo è un tempo nuovo, diverso. A volte divertente, a volte noioso, a volte mi fa paura. 

Come vivo, come l’affronto, come lo gioco?  

Quali occasioni mi offre? 

(scoperta di un tempo e di uno spazio diverso e nuovo – casa è quella di tutti i giorni, ma oggi è diversa perché io “provo a capire cosa il mare mi regala”). 

In che modo posso vivere il servizio e la buona azione?

L’ATTENZIONE DEI CAPI 

Riflettere su una modalità per riscoprire la ritualità e i simboli della comunità “a distanza”. 

Rimettere in gioco strumenti il quaderno di caccia/volo dove poter “appuntare” pensieri, storie… raccogliere anche qualunque tipo di oggetto che rimandi ad un’esperienza vissuta che è importante ricordare. 

Aiutare i ragazzi a riconoscere le opportunità da cogliere nel contesto attuale. Identificare occasioni per condividere gli elementi che ci fanno rimanere comunità, anche lontani.

Stimolare la creatività e la manualità “fatta in casa” (non solo scoutismo “on line”).

Uscire dagli schemi e prepararsi per il dopo.

Attenzioni: gesti, ritualità, legami tra i ragazzi…

PER I RAGAZZI

Aspettative, domande, curiosità verso quello che mi aspetta.  

Allo stesso tempo può essere utile riflettere su chi sono adesso. 

Scrivere una cartolina a me stesso: ricordare quello che ho vissuto, chi sono diventato, le mie abitudini, le mie idee nuove, come sono cambiato, se sto cambiando. Mi rileggo e mi proietto verso un tempo nuovo per tutti. 

Es: in questi giorni cosa faccio? Indosso sempre il pigiama, non metto mai le scarpe, ho messo il fazzolettone e il cappellino ed “ho giocato alla riunione di B/C”, oppure ho partecipato alla riunione di reparto, di Squadriglia o di noviziato/clan? Sono più alto, ho i capelli più lunghi…? 

Come mi preparo ad accogliere e trovare chi mi aspetta fuori – io come reagisco a questi input? 

Cosa ho riconosciuto essere essenziale per il mio vivere ? 

L’ATTENZIONE DEI CAPI

Anche l’adulto è chiamato a rileggersi in questa nuova realtà e a trovare uno sguardo ed un orizzonte educativo diverso da quello pensato “prima”: come mi preparo e come mi vedo in questo orizzonte di “ritorno”.  

Mi preparo a rileggere i nuovi bisogni educativi dei ragazzi che accompagno.

 

PER I RAGAZZI

Ognuno raccoglie quello che siamo stati e lo porta “qui”, ci raccontiamo e ricostruiamo la nostra nuova comunità “rinnovata” – cosa voglio portare di importante e bello nella nuova comunità. (scrittura collettiva).

Esplorare il nuovo mondo: individuiamo insieme le prime occasioni di avventura e vita all’aria aperta che potremmo vivere. 

Ci rimettiamo per strada, chi vogliamo incontrare? Cosa vogliamo vedere? 

L’ATTENZIONE DEI CAPI

Condivisione dello spazio di potere: lasciare spazio ai ragazzi di raccontare e raccontarsi. Non è tempo di riprendere quello che avevamo programmato e non sommergere di attività i ragazzi. Piuttosto è tempo di preparare questo spazio da condividere, donare tempi e luoghi per ricostruire la comunità e accogliere il ragazzo e l’adulto che siamo “ora” nel “dopo”. 

Occasione per rileggere, rivalutare e rinnovare lo stile di stare insieme. 

Favorire le occasioni di avventura e vita all’aria aperta: la natura da cui ci siamo dovuti “difendere” torna ad essere luogo privilegiato anche per l’incontro con Dio.